Lì, 8/03/2012

In questi giorni ho avuto modo di testare su me stessa quanto mi diano fastidio le elucubrazioni dei disfattisti, delle persone che vedono il marcio in tutto, di chi è troppo impegnato a lamentarsi di quello che non ha per godersi quello che ha. Ho avuto modo di constatare quanto mi urti, chi non fa altro che lamentarsi ed accusare, radendo al suolo anche le buone intenzioni di chi, in quello che fa, ci mette impegno. Oggi è 8 Marzo in altri tempi, avrei pubblicato una vignetta con una donna troglodita e una mimosa in mano. Oggi no, non più.  Non mi importa dei discorsi impegnati sul fatto che le donne vadano festeggiate tutti i giorni, sul fatto che non c’ è proprio niente da festeggiare, la conosco anche io la storia, con la differenza che non mi sento in diritto di criticare chi ha modi di fare diversi dai miei. Se dovessi mettermi a raccontare perché oggi per me (anche) questo giorno è così importante, vi chiedereste cos’ ho da festeggiare. Cos’ ho da festeggiare?! La vita. La mia vittoria. La mia rinascita. Quindi si: un pensiero a tutte le donne che nel loro percorso hanno fatto scelte importanti e che, nonostante la paura, hanno scelto di sentire la vita, invece che scegliere di non sentire più niente. Alle donne che un passo la volta hanno capito che l’ unica salda fonte di felicità, sono loro stesse. Alle donne non arrabbiate con altre donne, a quelle cui i difetti delle proprie amiche sembrano cose buffe da coccolare, anziché rami secchi da sfrondare. Alle donne amiche di altre donne. Alle mie amiche, a mia sorella che è prima di tutto la mia amica, a mia mamma, alle donne della mia vita. Al mio esercito di donne coraggiose. A me. Vi voglio bene.

Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita.

Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta.

Che uno dice: è finita.

No, non è mai finita per una donna.

Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole.

Non parlo solo dei dolori immensi, di quelle ferite da mina anti-uomo che ti fa la morte o la malattia.

[…]

E’ da quel grande fegato che ti ci vuole per guardarti così, scomposta in mille coriandoli, che ricomincerai.

Perché una donna ricomincia comunque, ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.

Ti servirà una strategia, dovrai inventarti una nuova forma per la tua nuova te.

Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo, di presentarti a te stessa.

Non puoi più essere quella di prima. Prima della ruspa.

Non ti entusiasma? Ti avvincerà lentamente.

Innamorarsi di nuovo di se stessi, o farlo per la prima volta, è come un diesel.

Parte piano, bisogna insistere.

Ma quando va, va in corsa.

E’ un’avventura, ricostruire se stesse.

La più grande.

Non importa da dove cominci, se dalla casa, dal colore delle tende o dal taglio di capelli.

Vi ho sempre adorato, donne in rinascita, per questo meraviglioso modo di gridare al mondo “sono nuova” con una gonna a fiori o con un fresco ricciolo biondo.

Perché tutti devono capire e vedere: “Attenti: il cantiere è aperto, stiamo lavorando anche per voi. Ma soprattutto per noi stesse”.

Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia.

Per chi la incontra e per se stessa.

È la primavera a novembre.

Quando meno te l’aspetti…

Testo originale Diego Cugia, alias Jack Folla

Alle donne in rinascita della mia vita, Marianna

Foto dal web

6 risposte a Lì, 8/03/2012

  1. fracatz scrive:

    oggi bisogna approfittare per far gli auguri a tutte le donne conosciute, virtuali e non, magari per testarne il limite di sopportazione

  2. Francy Grossi scrive:

    Bellissima questa poesia!! Infonde una grande forza e coraggio come una preghiera……complimenti per la tua rinascita sei un grande esempio per tutte baciiiiiiii

  3. 125ml scrive:

    Buona rinascita, ma sopratutto buona nuova crescita e tutto quanto quel che una rinascita implica…
    a ben vedere è un pò faticosa…
    Ciao

  4. salinaversosud scrive:

    Però ne vale la pena, no? 🙂

  5. salinaversosud scrive:

    Grazie Francy, sei un tesoro. Spero di riabbracciarti presto

  6. salinaversosud scrive:

    Dai Fra! Comincia tu! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: