Aspettarti accresce il valore di ogni cosa che faccio.

Ci frequentiamo da neanche un anno. E’ un uomo compiuto, silenzioso, concreto, ma non mi travolge. Senza neanche realizzare come, è arrivato il giorno più bello. Me lo dicevano che è pieno il mondo di persone che dopo una lunga relazione inconcludente, mettono su famiglia con qualcuno che conoscono da poco. Il problema è questo: lo conosco da poco e mi sento letteralmente travolta in un progetto in cui sento di aver partecipato solo marginalmente. Eppure quel progetto cambia anche la mia, di vita. Ci sposiamo. Ci siamo sposati. Arrivo in chiesa stanca e sperduta. Me l’ avevano raccontato diversamente. Dovrebbero mettere un avviso dietro il frontespizio dei libri di fiabe: bambine, usare con cautela. Come al mio solito ho organizzato altre cose, sono stata dietro ad altre questioni che non riguardavano me, ho preferito aiutare gli altri, che occuparmi di tutte le cose che c’ erano da fare. In così poco tempo poi! Gli inviti, il pranzo, il vestito. Il vestito l’ ha praticamente scelto mia madre. Non essendoci tempo ho dovuto scegliere fra una selezione di tre modelli. Tutti uguali poi. Se avessi potuto scegliere, ne avrei preso uno completamente diverso, o l ‘ avrei fatto fare come lo sogno da una vita.  Invece no, per fretta e mia incapacità, la selezione è avvenuta a gusto di una donna che pensa ancora che abbinare tutto sia estremamente chic.  Ho scelto il meno peggio e per non perdere ulteriore tempo, ho anche evitato di protestare. In fondo le sono grata:  so in cuor mio, che è il suo modo di aiutarmi. Però è stato tutto così frenetico e impersonale. Non c’ è stato niente di mio in quel giorno. Niente. Quando sono entrata in chiesa, ricordo il lungo velo, che mal si adattava al vestito e alla situazione. Mio padre era a lato, con mia sorella. Non se l’ è sentita di accompagnarmi. Se n’ è stato lì. Io da sola, verso il mio compagno..che a dire il vero, sembrava più un uomo d’ affari, che il mio futuro marito. Un contorno, un freddo contorno, col quale avrò interagito tutto il giorno,  si e no, attraverso i miei parenti.  Però l’ ho sposato, di fretta, ma l’ ho sposato. E  no, non perché sono rimasta incinta, ma perché è stato tutto  un sogno. Un terribile sogno.

il giorno più bello

Foto di Salinaversosud

2 risposte a Aspettarti accresce il valore di ogni cosa che faccio.

  1. fra3fra scrive:

    L’ho letto sospesa…
    Per fortuna era un brutto sogno!!

  2. pani scrive:

    uè! Cos’è ‘sta storia? Realtà o sogno, perché alla fine si resta lì, sull’indeciso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: