Coccole per l’ anima

Ho lavorato anche oggi e quando sono tornata a casa, avevo proprio bisogno di scaldarmi un po’ e di prendermi cura di qualcuno. Così mi sono messa all’ opera. C’ è qualcosa di davvero magico nell’ entrare in cucina al buio e vedere la luce del forno acceso. Stavolta a questa magia si sono aggiunte calde zaffate di buon cioccolato e burro. Eh si, cari miei perché la ricetta “scaldaanima” per eccellenza a casa mia è il tortino al cioccolato, con cuore fondente.

 

 

Allora, mi sono detta, perché non condividerla con voi? Fate così:

  • Fate fondere a bagno maria 150 gr di buon cioccolato fondente. Quando si è sciolto, togliete dal fuoco e aggiungete 80 gr di buon burro centrifugato. Amalgamate. Il burro dovrà fondersi nel cioccolato.  Stemperate e lasciate freddare.
  • Nel mentre, sbattete per buoni 20 minuti: 2 uova intere + 1 tuorlo, vaniglia, 90 gr di zucchero a velo. Il composto dovrà risultare morbido e spumoso. Niente lievito. Il vostro lievito è l’ aria. Io ho imparato a non metterlo più nei dolci.
  • Posate lo sbattitore.  D’ ora in poi non vi serve più. Incorporate nelle uova il cioccolato fuso. Molto delicatamente. Setacciatevi 20 gr di farina doppio zero e 10 gr di cacao amaro. Amalgamate sempre con la leccapentole.
  • Quando il vostro composto sarà omogeneo, imburrate gli stampini e coprite di cacao. Riempiteli per 3/4.
  • Il momento più importante è forse la cottura. Forno ben caldo a 180°, i tortini devono cuocere per 10, massimo 12 minuti. Tirate fuori dal forno, lasciate negli stampini per 5 minuti, prima di sformarli e cospargerli di zucchero a velo, per servire. Vanno mangiati caldi, mi raccomando!
  • NOTA 1: Vi consiglio di fare la prova con un tortino per regolarvi con il vostro forno.  Il risultato è buono se sono: profumati, soffici e liquidi/cremosi al centro.
  • NOTA 2: Le dosi bastano per 6 stampini da muffin (diametro 7,5 cm circa)

 

Allora, che ve ne pare di questa “coccola”? Dopo una bella cenetta, per me stasera film. Lo so è sabato, ma sono a tocchetti, quindi credo proprio che mi dedicherò al mio egoistico relax. Vi lascio con un’ immagine.

 

 

 

 

Advertisements

10 risposte a Coccole per l’ anima

  1. c. ha detto:

    buonissimiiii

  2. Sunderland ha detto:

    buona sera,ho provato pure io stasera..

    pan di spagna

    molto simile niente lievito

    5 uova
    un pizzico di sale
    montate insieme albume e tuorli con un pizzico di sale
    con frusta meccanica
    120 circa di zucchero
    ed infine farina e maizena,75gr. per ognuna.
    buccia di limone grattuggiata

    160° per mezz’ora

    ne è uscita una tavoletta morbida spugnosa e leggermente si è
    pure alzata..

    dopodiché l’ho affogata in un mix di maraschino diluito con acqua..

    per ora ha assorbito,pare ‘nu babbà..

    domani farcirò con panna montata unita ha marmellata di more

    per dare un tono rosa come la ricorrenza..

    l’immagine??

    una dolce “coccola”

    buona Notte e buona domenica

  3. salinaversosud ha detto:

    🙂 siiiii!!! Oggi poi, è la giornata ideale! Caminetto acceso, plaid e dolcetto!

  4. salinaversosud ha detto:

    Sunderrrr!!! Adoro questo scambio!!!
    Che bella ricetta!!!

    Se quelle 5 uova sono a temperatura ambiente, le monti con lo sbattitore insieme a zucchero e aromi (buccia del limone) finché scrivono e posi le fruste per non usarle più, vedrai che risultato!
    Io faccio così:

    Per il pan di spagna che deve essere elastico, lo devi tagliare e farcire, ti consiglio vivamente solo la 00!

    Per il ciambellone che “maltratti” meno, puoi aggiungere al massimo 50 gr di farina di riso, in sostituzione di 50 gr della 00.

  5. Sunderland ha detto:

    Buondì e buon inizio settimana

    purtroppo il risultato di quanto prospettato non ha dato i frutti sperati..
    ahahah,rido al sol pensiero,ehh si,le fruste dovrei utilizzarle quanto basta,al limite solo per espiare i miei peccati..

    nel montare la panna ieri ho assistito dapprima al suo aumento di volume e poi come d’incanto con mio rammarico al totale coagulo del tutto,insomma si è trasformato in ricotta,mannaggia alle fruste..

    in ogni caso poi il dolce l’ho imbottito con il resto della marmellata e tra un film e ì’altro accompagnato da un bicchiere di vinello è stato portato a destinazione,quindi a pomeriggio inoltrato dismesso le vesti del pasticciere ho imbracciato quelli più umili del panettiere con risultati sicuramente migliori..

    P.S.

    ho notato il cambio di tema della discussione.

    per la terrazza con veduta porterò pazienza,ma non manca molto….

    comincia il conto alla rovescia per rivedere quei panorami dal vivo…

  6. salinaversosud ha detto:

    Ho riso anche io nel leggere le tue peripezie con la panna! (Non so se te l’ hanno mai detto, ma la panna fresca deve essere ben fredda, fra 3° e 4°, metti anche fruste e ciotola di vetro nel freezer per una decina di minuti e prova a montarla disegnando degli otto. Quando la vedi abbastanza compatta, prova ad inclinare leggermente la ciotola, se la panna rimane aderente al contenitore è fatta! L’ esperienza farà il resto).

    Ok, passa il vino! 😀
    E così fai il pane! Che meraviglia!
    Buona giornata a te e per i panorami assolati e il mare a perdita d occhio non temere: torneranno

  7. Sunderland ha detto:

    quaranta giorni,e spero di gustarmi a colazione l’etna innevata dal terrazzo di casa ,lo scorso anno la vidi solo per un giorno poi cominciò l’eruzione è guastò i cieli…

    qualche centinaio di metri più in alto si possono ammirare le isole Eolie,così come l’immagine di cui ti parlavo…

    la domenica sera impasto un poco di farina in più e dopo la pizza il rimanente diventa una bella pagnotta per la settimana…

    il vino??

    eheheh,ci starebbe un piccolo aperitivo prima di mezzodì…

  8. salinaversosud ha detto:

    Sono incantata!
    Il nome del blog é profumodilimoni; io ho origini sarde misto abbruzzesi e il mio nick é salinaversosud per libera scelta; meglio per l amore verso le case; l architettura i posti meravigliosi che si scorgono solo nelle eolie!
    aperitivo? si; ci starebbe!

  9. Sunderland ha detto:

    non è da molto che frequento wordpress,mi piacciono le poesie,e per caso ho scorto un posticino caruccio con tanto di panorama così come li intedo io,e tra una lettura e l’altra ho trovato l’occasione per scambiare due righe,l’interlocutrice me ne ha dato la possibilità e ne sono contento..

    stò vedendo sempre nei thredd delle ricette che ve ne sono altre..

    le mie origini sono del sud,per metà pugliese e l’altra siciliana,una delle più a sud dello stivale,mentre risiedo al nord dove sono nato..

    la zona dove andrò in villeggiatura per una quindicina di giorni è nelle Serre calabre ad un altezza che varia dai 500 dove ho casa, ai 1000 qualche kilometro più in su..

    e da qui che godo maggiormente tali panorami,anche se nella terra dei laghi al nord ve ne sono altrettando belli..

  10. salinaversosud ha detto:

    Mi piace quello che mi racconti.
    Torna pure quando vuoi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: