Storia di un aborto

Il primo bacio al Gianicolo.
La prima volta che abbiamo fatto l’amore.
Oggi è 24 aprile 2012 e tu hai rinunciato a un sacco di cose.
Hai rinunciato alle mie gambe mentre guidi, o siamo in motorino. Hai rinunciato al modo in cui sdrammatizzo e prendo in giro la tua pignoleria, alle mie cenette romantiche. Hai rinunciato a una persona che è sopravvissuta a un **** e a un cancro al seno, sottovalutandone la forza, solo perché carina, o ha un viso dolce. Sorpresa: hai rinunciato a entrambe le cose. Hai rinunciato alla mia voglia di te, alla nostra fantasia, ai nostri giochi, alla nostra complicità. Hai rinunciato ai baci in ascensore, che non possono aspettare, al modo in cui ti bacio e ti mordo.
Hai rinunciato a due persone che camminavano con disinvoltura sul doppio binario della passione privata e della discrezione. Non era intrigante? Hai rinunciato alle nostre passeggiate a Sabaudia, alle tue confidenze con me, alla mia testa. Hai rinunciato ad occuparla, intrigarla, sedurla. Hai rinunciato ai nostri messaggi fino alle due di notte, alla mia atroce barzelletta sul “pazzo di 30 cm” e al modo buffo in cui te la racconto. Hai rinunciato a ridere con me, a viaggiare con me. Hai rinunciato a una persona che avrebbe preso treni e aerei per raggiungerti ovunque sei. Hai rinunciato alla sensazione di “casa”, quando all’aeroporto mi avresti visto venirti incontro felice. Hai rinunciato a tutto quello che avremmo potuto essere, liquidandolo con una paura che non giustifico più. Hai rinunciato ai miei racconti, ai miei salti di palo in frasca, alle nostre chiacchiere fitte, prima di addormentarci con i visi così vicini. Hai rinunciato a condividere con me le foto di tua nipote che cresce e a raccontarmi orgoglioso dei suoi occhi vivi. Hai rinunciato al nostro sudore sulle lenzuola, ai miei massaggi, alla nostra voglia di fare l’amore alle cinque di mattina, per poi riaddormentarci soddisfatti. Hai rinunciato ai nostri concerti di Battiato e a sentirti vivo con qualcuno da scoprire giorno, dopo giorno. Hai rinunciato ai nostri viaggi, a girare Ponza con me, ad andare in Germania, a Dublino con me. Hai rinunciato a sentirti parte della mia vita e dei miei pensieri. Hai rinunciato a quel filo invisibile che lega le persone quando sono in mezzo la gente e stanno facendo altro. Si chiama “senso di appartenenza”. Hai rinunciato ai miei occhi, che non sono marroni, ma verdi al Sole. Hai rinunciato ad insegnarmi tutto quello che ancora non so. “Conosco le leggi del mondo e te ne farò dono”. Hai rinunciato alle mie mani dietro la tua nuca, a sentirmi suonare, alla mia laurea, alle mie conquiste, a condividere i tuoi traguardi con me. Hai rinunciato a vedermi esultare e urlare felice, quanto sono orgogliosa di te. Hai rinunciato ai tulipani bianchi, alla storia sulla loro origine, al profumo di limoni, che non è solo una boccetta di Hermes, siamo noi. Hai rinunciato ai miei sorrisi, alle mie ciglia lunghe, alle mie mani piccole dentro le tue. Hai rinunciato a vedermi girare per casa solo con un grande asciugamano e i capelli corti, bagnati e pettinati indietro. Hai rinunciato a fare l’albero di Natale con me, alla tua libertà con me. Hai rinunciato alle mie sorprese, ai miei scherzi, al mio modo di tirarti su e di farti vedere il lato buono delle cose. Hai rinunciato al mio entusiasmo, al mio coraggio, alle mie parole, alla mia gelosia. A tutta la bellezza che vedo in te e alla felicità che mi sale agli occhi, quando ti guardo. Sorrido.
Hai rinunciato a una persona, che conserva la lavanda del primo appuntamento, dentro un’agenda. Hai rinunciato ai miei ragionamenti, al modo in cui ti dico fiera, che tua nipote ti somiglia. Hai rinunciato a guardare le vostre foto con me. Hai rinunciato a me, capisci?! Riesci a fermarti a pensare e a realizzarlo?
Hai rinunciato a chi, prima di Natale, avevi detto: “Ho bisogno di te, per sentirmi un uomo”.
Hai rinunciato a te, all’uomo che avresti potuto essere con me.

M.

Foto di Salinaversosud

Annunci

10 Responses to Storia di un aborto

  1. gattaliquirizia ha detto:

    … ma tu non hai rinunciato a te, e quello che diventi ogni giorno 🙂

  2. salinaversosud ha detto:

    …quanto sei cara!

  3. elenuccia ha detto:

    non so che parole usare per esprimere quello che sento per cui favvo e basta! 😉

  4. salinaversosud ha detto:

    Elenuccia, spero di poter scrivere solo cose a lieto fine d’ora in poi. Bacio

  5. bisco ha detto:

    Penso tu sia davvero una bellissima persona, con una sensibilità e un acume molto particolari.. Ti leggo da un po’ ed è sempre un piacere farlo.. E il tipo che ha rinunciato a te e a tutto ciò che sei è stato decisamente stupido, davvero.. Un abbraccio virtuale ma con tanto affetto..
    Alfredo

  6. salinaversosud ha detto:

    Mi hai rubato un sorriso.
    L’abbraccio è ricambiato.
    Marianna.

  7. elisewin03 ha detto:

    A me invece hai regalato una lacrima dolce e amara. Perchè sono parole che avrei potuto scrivere io.
    Ci vuole tanto amore per lasciare libero qualcuno di andare via, di rinunciare a noi.
    Ci vuole tanto amore verso noi stessi per ricominciare con coraggio. E per credere che da qualche parte, c’è ancora qualcuno che non rinuncerà a noi.

    Chiara

  8. Alessandro ha detto:

    Quell’uomo ha rinunciato a tutto ciò ma tu, leggendo le tue parole, non hai rinunciato ad essere te stessa a voler essere tutte quelle cose e hai lottato per questo e allora devi essere fiera di stessa, di quello che sei, in questo preciso istante mentre stai leggendo queste mie semplici parole ti dico che quell’uomo ha rinunciato a un tesoro, ad un fiore, un fiore di limone.

  9. salinaversosud ha detto:

    Grazie, sei tanto caro.

  10. salinaversosud ha detto:

    Grazie per le parole che hai speso per me. E per aver letto con cura. Non è facile trovare persone che abbiano voglia di fermarsi, in questo momento così veloce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: