Share: love songs! (I Risultati)

Ve lo avevo anticipato, che delle vostre proposte avrei fatto un post! E così sia e sarà anche per i prossimi della rubrica share. Poi volevo ringraziarvi per essere qui e partecipi, ogni volta che potete. Quindi ho deciso di accompagnare le vostre proposte con il link al vostro sito  e con due righe, cucite su voi e il blog (ove disponibile). Ultima cosa: l’ordine è casuale.

1) Pani: il suo blog è Panirlipe’s weblog. Lui è il mio angolino di curiosità, la siesta che faccio sempre volentieri tra un cavolo e l’altro. Sarà perché è una persona con tanti interessi, sarà perché ogni volta racconta qualcosa di tremendamente umano e con un’umiltà che di rado incontro per strada, che sbirciare tra le sue cose è per me diventata una piacevole routine. Vorrei scrivesse tutti i giorni. Poi, va be’! Tiri fuori Paolo Conte  e non posso che condividere questa perla con voi!

Chiamami adesso che
non ho più niente da dire, ma
voglio parlare lo stesso insieme a te
voglio provare io a descrivermi…
(Chiamami Adesso, Paolo Conte)

2) Beatrice M. Blackbird: il suo blog è il Beatrice Blackbird Daily Diary e la citazione in testa la trovo di una bellezza e di una forza incredibili: Ti insegneranno a non splendere. Tu splendi, invece. Ecco a me l’idea che una ragazza così giovane citi dalle Lettere Luterane di Pasolini, fa sperare. La cosa che mi spinge ogni volta sul suo blog è il fatto che leggerla è per me un flashback. Quei pensieri e quel modo semplice e dolce di meravigliarsi di ogni cosa, mi ricorda i miei diari. Quelli di carta, prima di tutto e tutti. La leggo e mi riprendo gli anni.

Tanto per non contraddire la dolcezza, la sua love song per eccellenza è “Your song”, Elton John.

3) Massimo Botturi. Il suo blog porta il suo nome: Massimo Botturi e comincia così…

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

Per me lui è il De André della poesia (e a ben dire, anche De André scriveva poesie!), non mi stancherò mai di ricordarglielo. Una poesia maschile, una bici appoggiata al muro di una casa in Provenza, un campo di grano e la schiena china di una donna col fazzoletto in testa, l’arancio del Sole sui muri, un gatto, una cesta, del latte davanti la porta. No, davvero. Sono innamorata. Ora, leggere per credere.

Quando mi vide piangere, Maria
posò gli occhiali
mi preparò del pane col burro
e una carezza.
Sapeva di quei giorni un po’ tristi dei bambini
delle mie chiavi sopra lo stipite;
del piatto
col pranzo preparato la sera.
Così venne
come se fosse madre al bisogno
e mi sorrise.
Mi chiese di trovarle poi un libro dalla teca
di raccontarle il viaggio
e la fiocina, di urlare!
come se fossi in mezzo davvero a tutto il mare
che scuro dominava la pagina cinquanta.
Mi raccontò che mai c’era stata
e le piaceva, pensarlo come un’aia d’estate
quando piove.

(Massimo Botturi)

Ah, lui dice: Naviganti, Ivano Fossatiwhat else?!

Siamo stati naviganti
con l’acqua alla gola
e in tutto questo bell’andare
quello che ci consola
è che siamo stati lontani
e siamo stati anche bene
e siamo stati vicini
e siamo stati insieme.

Siamo stati contadini noi due
senza conoscere la terra
e piccoli soldati
senza amare la guerra,
ci hanno mandati lontano
senza spiegarci bene
e siamo stati male,
ma siamo ancora insieme…

3) bisco: bisco non ha un blog, ma dovrebbe! Adora la cucina e il cibo proprio come me, fa un sacco di cose bellissime e vive in una città stupenda, su cui ha un sacco di cose da raccontare e mostrare. Non posso dirvi altro perché è riservato, però se volete saperne di più, potete trovarlo su twitter!

Tantissime proposte, tra cui ho fatto anche difficoltà a scegliere. Quindi per non precludervi niente, vi lascio la sua lista, nel caso voleste curiosare e farvi una cultura.

Italiane:
* 750.000 anni fa l’amore // banco del mutuo soccorso
* autogrill // guccini (anche se in realta’ e’ una dichiarazione mancata)
* parlo da solo // offlaga disco pax (un amore che non c’e’ piu’)
* non e’ l’amore che va via // vinicio capossela
* la risposta // virginiana miller

Straniere:
* lady of the dancing water // king crimson
* fly me to the moon // frank sinatra
* at my most beautiful // r.e.m.
* thinking about you // radiohead
* somebody // depeche mode (spettacolare la versione live a berlino del 1994, se non ricordo male)
* beautiful // portishead

Qui, una a nome di tutte: At my most beautiful, R.E.M.

Ma quanto è dolce????

4) G. neanche lui ha un blog. Però ha ben pensato di tirarmi un colpo basso. Dalla colonna sonora di uno dei miei film preferiti (Secretary): I’m your man, Leonard Cohen. Chi acolta Cohen, non può che essere una persona affascinante. A voi.

“If you want a lover
I’ll do anything you ask me to
And if you want another kind of love
I’ll wear a mask for you
If you want a partner
Take my hand
Or if you want to strike me down in anger
Here I stand
I’m your man…”

12 risposte a Share: love songs! (I Risultati)

  1. bisco scrive:

    ti ringrazio per le dolci e belle parole 🙂
    in realta’ io di blog ne ho addirittura due, uno di natura tecnica (http://www.alfredodistasio.com) e un altro piu’ intimo e personale che non aggiorno da tempo, ed essendo riservato non lo divulghero’ al mondo; a te l’ho scritto su uozzap..

  2. franzulrich scrive:

    Qui qualcuno copia o “si ispira” pericolosamente troppo…:)))
    Nemmeno io ho un blog e non so se dovrei. Dovrei?
    E con ritardo voluto (ho evitato di essere listato) ci metto la mia, la stessa da sempre: Ne quitte pas, in tutte le sue versioni, originale di rassegnata dolcezza di Brel, intima di Nina Simone, Disperata e rabbiosa di Ute Lemper, etc., etc. (eccetto quella di Gigi Proietti, che in tutta la sua grandezza non perdonerò mai per la sua profanazione).
    Quanto al mio adoratissimo Leonard Cohen (e lo sai!) I’m your man non è esattamente una canzone d’amore, almeno non nel mio concetto. Anche se è la mia preferita insieme a first we take Manhattan, nella specie a tal fine la sostituirei con la più recente A Thousand Kisses Deep (Ten New Songs, in colonna sonora “The Good Thief” – Triplo Gioco, di Neil Jordan).

  3. franzulrich scrive:

    Acc… mi è saltata una parolina: ovviamente è “Ne me quitte pas”

  4. salinaversosud scrive:

    @bisco: questo week end me lo leggo con calma (quell’altro). Grazie! ❤

    @franz: ho letto il testo, un incanto. Grazie, è proprio bella!!! Riguardo Leonard Cohen lo so. E' dal 2008 che lo so. Sono cinque anni che lo so.

  5. franzulrich scrive:

    Certo che lo sai. E sai pure di Ne me quitte pas. una volta, credo sul blog precedente, ti ho pure incollato tutto il testo in un post. 🙂
    […]
    Moi je t’offrirai
    Des perles de pluie
    Venues de pays
    Où il ne pleut pas
    Je creuserai la terre
    Jusqu’après ma mort
    Pour couvrir ton corps
    D’or et de lumière
    […]
    Mai tanta poesia, nemmeno i nostri migliori cantautori, nemmeno quello spostato poetico e razionale di De André, che con Battiato metto sopra a ogni altro.

  6. pani scrive:

    uh!…se vuoi ti mando lo spartito. io ogni tanto la suono, piano e kazoo. Mica sono bravo a cantare, io…

  7. salinaversosud scrive:

    @franz: ma io lo so, che mi insegni sempre tante cose belle 😀

    @pani: sarebbe fantastico!!! Hai la mia mail, no? Così io finalmente di mando il Tequila&Bonetti’s Theme…e poi a proposito di questo avrei una richiesta, se si può, se non è una seccatura, se ti va e se non ti offende: potresti fare un video in cui la suoni al pianoforte e postarla? (Per favore…)

  8. salinaversosud scrive:

    @pani, ricommento perché senza spingere su “replica” non so se ti arriva la notifica che ti ho risposto 😀

  9. pani scrive:

    tu sei pazza! 🙂
    Questa è una musica che va cantata e se proprio non ci si riesce va cantata dentro perché il piano da solo non rende.

  10. salinaversosud scrive:

    Ma noooo parlavo riguardo la colonna sonora della serie. No, Conte senza le parole, no.

  11. pani scrive:

    aahhh! Fiuu…

  12. Perdonami se leggo e rispondo soltanto ora ma ho avuto mille cose da fare e sono un vero e proprio disastro!
    Beh, che dire? Un solo “grazie” sarebbe riduttivo, ma davvero mi hai commossa e lasciato senza parole. Un abbraccione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: