“…che della sua bellezza ne ha fatto il suo macello”

“Un giorno, in terza elementare, la mia classe venne accorpata ad un’altra. Mancava la maestra Giovanna e i miei compagni ed io ci ritrovammo a condividere gli spazi con dei perfetti sconosciuti. Bambini, ma pur sempre estranei. Oggi ho l’impressione che fossero piccoli estranei solo ai miei occhi: a ben ricordare gli altri bambini si divertivano! A dirla tutta, per me non era divertente neanche la ricreazione, perché si era più liberi e le persone libere prima o poi devono fare i conti con delle scelte. Preferivo di gran lunga il rassicurante recinto delle regole: se non altro, non avrei avuto il problema di scegliere se saltellare come una farfallina, o correre come Flash, se salutare la dolce Greta e le sue ancelle in boccoli e scarpe stroboscopiche, o starmene in disparte fingendo interesse per un nocciolo di kaki, preso direttamente dal giardino qualche ora prima. Trovavo soddisfazione in un quaderno ordinato, in una delle mie poesiole, scritte quando l’amore era ancora uno strano incrocio tra la gratitudine e l’ammirazione per mamma e papà; o quello sfarfallio nello stomaco, che non sapevi mai se era fame, o il ragazzino con la brillantina e la riga da un lato, che ti sedeva davanti. Ero goffa, poco sociale, ma era rassicurante. Oggi sono una donna, che della sua bellezza ne ha fatto il suo macello.

Ricordo con disgusto un ragazzino di un’altra classe, che aveva deciso di dedicarmi le sue attenzioni. Mi seguiva fino a casa e con la curiosità morbosa di chi si limita ad immaginare, fu breve il passo dalle parole fastidiose ai palpeggiamenti furtivi. Furtivi. Vigliacchi. Si può essere vigliacchi da bambini? Si. Non gliel’ho mai perdonato. Cercai di ripulirmi la coscienza istintivamente, perché a casa mia mia sorella ci teneva a precisare “è tutta colpa tua”, ogni volta che ci mettevano in punizione. Si può soffrire tanto da bambini? Si. Purché silenziosamente. Così quando indicai a mio papà il bambino che mi aveva molestata dall’altra parte della strada, lo feci più per convincerlo che non era colpa mia, che non mi era piaciuto, che non ci volevo stare a quei giochi da mascalzoni! La verità è che avrei voluto me lo avesse detto lui: non è colpa tua, ti difendo io. Ma come si difende una figlia dalla propria bellezza, quando la bellezza ha a che fare con lo sguardo e i modi gentili? Quando la bellezza (imparerà presto) è la chiave che apre le porte dell’affetto e del bene altrui?

Diventai presto vittima dei miei silenzi, così non tardò il giorno in cui confusi una finestra di vetro con un angolo di cielo. ”

(Per poco ero felice, Marianna Usai. Dalla raccolta “Sono bella, ma non è colpa mia” Ed FusibiliaLibri)

Se vi è piaciuto, se siete curiosi di sapere come comincia e come va a finire, se siete curiosi di leggere altre storie rovinate dalla bellezza, il 23 Marzo a Piazza dei Satiri (Roma), la seconda tappa della presentazione del volume! La prima c’è stata domenica 9 Marzo al Museo Civico e Archeologico di Anzio. Vi lascio con qualche foto:

“Sono bella, ma non è colpa mia”, un’antologia curata da Maria Carla Trapani. Ed. FusibiliaLibri

“Per poco ero felice”

Museo Civico Archeologico di Anzio

“Per poco ero felice”

Ringrazio ancora Dona Amati e Ugo Magnanti della casa editrice FusibiliaLibri. Maria Carla Trapani, per la cura dell’antologia e gli altri autori presenti nel volume, per la bellissima esperienza.

 

8 risposte a “…che della sua bellezza ne ha fatto il suo macello”

  1. franzulrich scrive:

    ecco se magari poi ci mettessi pure l’ora, la gente saprebbe quale delle diciamo 12 ore utili del 23 marzo è quella giusta…:)

  2. bisco scrive:

    se riesco a organizzarmi per venire a roma, ma non prometto nulla, faccio un salto… e complimenti🙂❤

  3. salinaversosud scrive:

    Hai ragione Frull.. ehm, Franz!
    Provvederò!🙂

  4. franzulrich scrive:

    Frrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr(e il frullatore va…)
    PS Sì, FRULLatore!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: