Come Venezia addosso

giugno 29, 2014

“… Ti spogli e mi arriva il profumo.
La pelle velluto che inebria.
Ho solo capito chi sei, no ho capito
che quello che hai dentro è potente,
è un bene che non tocca a tutti.
Il bacio è così delicato,
d’averne persino paura,
da farne l’esempio di tutto e da tutti,
tenerlo segreto e staccato,
da farlo morire poi dopo.
E tu sei bella…
come Venezia addosso.
Venere dolce che rendi fecondo le sponde di un cuore che aveva fallito.
Tu sei bella…
tanto da farne un vanto,
non c’è fragranza per farti un esempio, non c’è neanche un fatto che porta un ricordo.
Al mare ci andiamo più tardi,
se il sole si abbassa è più bello,
un nostro tramonto è più rosso del sangue che abbiamo appena mischiato
è forte il profumo del nudo.
Tu sei bella,
bella che riempi un campo,
sera che arrivi non puoi portar via la luce del quadro migliore che ho fatto.
Le parole, le parole sono solo come vino
più le bevi più ti rendi conto che non hai mai vinto.
Le parole possono volare ma ti volan dentro…
le parole quando poi le hai dette hanno già perso il senso.
Le parole, le parole fanno anche passare il tempo,
le parole rompono il silenzio e fanno un eco immenso.
Se non fermi in tempo le parole possono far male,
le parole sono sale e vento dopo il tuo profumo.
Le parole, le parole sono sole come vino
più le bevi più ti rendi conto che non hai mai vinto.
Le parole possono volare ma ti volan dentro…
le parole quando poi le hai dette hanno già perso il senso.”

(dalla penna di Biagio Antonacci)

Ph: Francesca Borgia
per Borgia Photography

Ph: Francesca Borgia, per Borgia Photography

Ph: Francesca Borgia, per Borgia Photography


Sei la pelle che ho deciso di tenere

giugno 11, 2014

E’ strano: stavo pensando che oggi devo preparare la valigia per una partenza imminente, che devo preparare un pezzo per il mitico Berlino Cacio e Pepe e che devo preparare una macedonia per una serata a base di frutta e gelato con i miei amici.

Viaggi
Passioni
Affetti

Ho veramente tutto.


Di playlist e gambe in spalla

giugno 6, 2014

Un post frivolo dei miei. Ieri non ne potevo più di andare a correre con i Royksopp. Voglio dire: devo fare il miracolo per fomentarmi con “Only this moment”, o “Remind me”, o ancora con “Dance, dance, dance” di Likke li.
E allora che ho fatto? Ho trovato un link che trasforma gli url di youtube in mp3 e mi sono copiata la mia playlist “Estate2014” (non nel senso che ci sono dentro canzoni attuali, ma canzoni che mi fanno compagnia in questa estate).
L’ho provata subito. Un’ora e mezza di camminata ed era tutta un’altra cosa. A voi, se siete curiosi:

Ora, però di corsa scappo a lavoro!
Buona giornata, vicini di blog!


Questione di scaramanzia

giugno 4, 2014

Scusate l’assenza.
Non scrivo per scaramanzia.
Non scrivo finché non sento al sicuro (o alla malora),
la cosa che più mi preme oggi.

A breve vi aggiorno
su una partenza imminente.