Shulug

Arrivano le rose

piccanti alle narici

e d’unguenti e argan

intrisi i capelli

per acquietarli, serpenti neri,

per dargli  la pace.

Regina tra le regine,

carezzarmi di fiori di rabarbaro

e mandorle e delizie

all’ombra d’una stanza

nuda di vesti insolenti

e miele, e incenso:

è il tempo dei rimpianti.

M.

Leila, Frank Dicksee

2 risposte a Shulug

  1. fracatz scrive:

    bella invece Leila
    quando si faceva pubblicità ai divani senza slogan e filmati

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: