Te devo da dì ‘n segreto

Vie’ qua che te devo da dì ‘n segreto, de quelli che è come ‘na pasticca ché poi ce dormi bene e t’ariposi e ronfi, questo è certo, però te devi da fidà! Allora, te fidi de me? E come, “come faccio?” Fai che torni ragazzino, quando appizzavi le ‘recchie pe’ senti lì grilli e annàlli a ammazza’. No. Dopo. Mo statte bono qua e famme fa sta rivelazione. Ecco, lo vedi laggiù quell’alberello, co’ quelle foglie piccolette,che co’ una che ce fai? Che a ‘sto punto, se fossi uno dritto, tu m’arisponneresti: “Er brodo!” Ma mo tornamo alla questione de quelle fogliolette zitte, zitte, tutte ammucchiate, tutte ‘nsieme, che so tante e che le vedi che se fanno spazio a modo loro: bòne, paciose, che manco li passerotti de la domenica mattina! E tu c’andrai pure a li giardinetti, la domenica mattina, no?! O, no?! E tu l’hai mai viste all’inizio quand’è che nascono e ‘ncominciano tenere, tenere e dici “naaa, questa non campa!” Ma nun fa er precipitoso, tu daglie tempo e vedi come se ‘ngrossa ‘na foglia co’ la pioggia e la tèra, ché l’alberi màgnano e so’ come noi. E ‘nzomma, queste crescono e le rivedi l’anno dopo e tu te chiedi com’hanno fatto, ché nun ce credevi e ‘nvece t’hanno buggerato. Ma tu lo sai quant’è che campa ‘n albero co’ ‘sta storia? Ché se fossi uno dritto me diresti: “Più de me e de te”. E più de me e de te campa, ‘nfatti! Allora, mo lo vedi come so’ fatte le cose? Che passano li giorni uno dietro all’altro, zitti, zitti e paciosi, come le fogliolette e so’ tanti, che tu non te n’accorgi, perché che t’aspettavi? Le cose che campano, mica t’angustiano, mica t’ammalano! Alle cose che campano, non glie dai ‘na lira, perché è proprio del fesso, crede, che se non se sente male, è come se non stesse a vivella ‘sta vita. Ma lo sai che succede alle cose che t’angustiano e ai catenacci, che te tolgono ‘r respiro? Che pe’ continuà a campa’, prima o poi, te ne devi da libera’. E t’avrà pure fatto fà dù fiori colorati, ch’eri tutta ‘na primavera, ma guardalo, ‘st ulivo, quant’è contento de sta ar mondo, guarda quelle fogliolette forti c’hanno creato, ché mo er riparo ce basta pe’ tutti e due e semo contenti pure noi, de staglie attorno. Ma tu l’hai capito che le fogliolette so’ i giorni, quelli bòni, senza preoccupazioni e che chi te vò bene, non gliene frega dei fiori, vòle che resti più che pòi?

Foto di Profumodilimoni, Tivoli, Ott 2015

2 risposte a Te devo da dì ‘n segreto

  1. fracatz scrive:

    sarai mica andata a raccoje le olive vicino a Tivoli?
    da rigazzo avevo un collega che ci invitava in campagna vicino Nerola e poi raccoglievamo le sue olive lasciandocene portar via una busta da fare in salamoia

  2. salinaversosud scrive:

    Vicino? Sotto Tivoli, prima dei tornanti pe’ salì su!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: